Acquistare casa a 1 euro, è un rischio o un investimento?

su
Gnius
immagine al post Acquistare casa a 1 euro, è un rischio o un investimento?

Se vi ricordate un po’ di anni fa Sgarbi, quando era sindaco di Salemi, per non far spopolare il paese si inventò la vendita delle case del centro storico ad un euro?
La cosa non ebbe un gran successo, ma dopo Salemi decine di comuni Italiani decisero di far acquistare le case a 1 euro, e in alcuni di essi funziona e anche molto bene!
Ma quindi, acquistare casa a 1 euro è un investimento o un rischio?
La risposta è semplice: Dipende dal comune.

Acquistare casa a 1 euro

A Cantiano, un bellissimo paese sugli appennini marchigiani nella provincia di Pesaro-Urbino, anche quest’anno è stato riproposto l’acquisto delle case a 1 euro.
Una soluzione per popolare un borgo medievale che rischiava l’abbandono che sta avendo un successo incredibile.

Come acquistare casa a 1 euro

Iniziamo col dire che ogni comune ha le sue regole da rispettare, è vero, ma se vogliamo iniziare a spiegare come si fa a comprare casa con 1 euro meglio iniziare da quei comuni dove questa proposta ha successo. Non credi?
Vediamo in parole povere cosa chiede il comune di Cantiano per poter comprare una casa a 1 euro.

Qual’è lo scopo

Lo scopo, come abbiamo appena scritto, è quello di evitare l’abbandono di alcuni borghi e comuni che hanno una storia spesso millenaria alle spalle.
Pertanto ci sono degli obblighi che sia i venditori che gli acquirenti della casa devono rispettare.

Come funziona

In particolare la casa in vendita deve essere in condizioni di degrado strutturale o comunque che sarà abbandonata di li a poco.
Il venditore deve esprimere la sua volontà e la sua disponibilità alla vendita della casa per almeno 3 anni ad un prezzo simbolico di 1€.
Questo si fa dando una comunicazione scritta al Comune.

Il compratore dell’immobile invece deve comunicare al Comune che è interessato ad acquistare e ristrutturare la casa e renderla di nuovo abitabile e a norma di legge.
Inoltre l’acquirente dovrà dichiarare che sarà lui a pagare tutte le spese legali, come il passaggio di proprietà, le volture dei servizi ed eventuali sanatorie, comprese quelle sostenute dal proprietario dal momento in cui ha dichiarato la messa in vendita della casa ad 1 euro.
In pratica dovrà pagare le tasse che non ha pagato il proprietario negli ultimi 3 anni al massimo.

Dovrà poi concludere la stipula del contratto di acquisto dal venditore e aprire una polizza fideiussoria a favore del Comune, di 4.000 euro, nei primi 2 mesi dall’approvazione degli atti di assegnazione dell’immobile.
L’acquirente poi ha 6 mesi di tempo dalla stipula del contratto per depositare in Comune il progetto di ristrutturazione.
Infine dovrà iniziare i lavori di ristrutturazione entro 1 anno dal rilascio dei permessi edili, ed ha tempo 3 anni per terminare i lavori.

Rischio o investimento?

Ora avrete capito che acquistare una casa con questi termini può essere un investimento se si trova una casa che può essere ristrutturata con poco impegno per poi rimetterla in vendita.
Invece è un rischio se la casa richiede lavori particolarmente onerosi che farebbero lievitare il prezzo e portarlo fuori mercato.
Un’altro modo di investire in questo tipo di acquisti di immobili è quello di trasformarli in una attività commerciale, come un B&B o anche un ristorante, sempre che il Comune dichiari la sua disponibilità a cambiarne la destinazione d’uso.
Comunque sia bisogna sempre ricordare che vanno messi in conto anche i bonus ristrutturazione casa che possono aiutare a fare fare questo passo.

Di sicuro chi è esperto in questo genere di investimenti sicuramente non si farà scappare quello che, conti alla mano, può diventare veramente un buon affare, o l’inizio di una attività in proprio.

L’importante è prepararsi per tempo, perché il tempo è proprio uno dei fattori cardini di queste vendite di case a 1 euro.
Entro 3 anni bisogna avere una casa, o un immobile commerciale, in condizioni perfette, che permetta al Comune che organizza questa attività di aumentare il numero dei suoi cittadini.

Se volete ulteriori informazioni su Cantiano basta seguire questo link.

[Voti: 1    Media Voto: 5/5]
Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi