Tassa rifiuti primo semestre 2018

su
Gnius
immagine al post Tassa rifiuti primo semestre 2018

La Tassa rifiuti si paga in tutta Italia, ma le scadenze sono a discrezione del Comune,
quindi non c’è un esatto termine per il pagamento di questa in tutto il paese.
La tassa sui rifiuti può prevedere una cadenza semestrale, oppure si può agevolare il cittadino inviandogli 4 rate da pagare annualmente.

Tassa rifiuti
Insomma, ogni comune può scegliere una scadenza per la TARI a seconda delle proprie necessità.
Quindi per sapere le scadenze tassa rifiuti è necessario rivolgersi al proprio comune di residenza.

Cos’è la Tassa Rifiuti

Cos’è la Tari 2018? La Tari o tassa dei rifiuti dev’essere pagata da tutti coloro che possiedono un’immobile,
che sono in fitto all’interno di una casa o di un locale commerciale, e da chiunque e a qualsiasi titolo detenga o occupi un qualunque tipo di immobile.

Quindi la TARI dev’essere pagata da tutti, senza distinzione tra prima casa o abitazione in fitto.
Anche se non ci sono distinzioni su chi debba pagarla o meno, esistono delle differenze sui costi.
La tassa dei rifiuti, come ben s’intende dal nome si paga per ottenere il servizio di pulizia delle strade e quello del ritiro dell’immondizia.

Il calcolo dunque viene effettuato con tariffe differenti, se si ha un’utenza commerciale e non domestica il costo sarà più elevato a seconda dell’attività commerciale.
Tuttavia se si dispone di un’utenza domestica, il costo della Tari varia a seconda anche del reddito.
Se si ha un reddito basso che rasenta la soglia di povertà è possibile presentare il modello Isee 2018 per richiedere uno sconto o l’esenzione dal pagamento.

Quando e come pagare la Ta.Ri

La Ta.Ri o tassa sui rifiuti dev’essere pagata alla scadenza imposta dal comune.
Questa tassa non viene pagata con i tradizionali bollettini, ma bisogna provvedere al pagamento di questa utilizzando con un MAV o il modello F24 che viene inviato dal Comune.

Entrambe i modelli possono essere pagati tramite Home Banking, o agli sportelli di banca e posta.
Per esempio per il Comune di Roma, l’AMA invierà una comunicazione con il bollettino MAV allegato.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi