Come trovare la Surroga Mutuo più conveniente

su
Gnius
immagine al post Come trovare la Surroga Mutuo più conveniente

Come trovare la Surroga Mutuo più conveniente? Tentare è più conveniente di pagare assai.
La surroga del mutuo è stata introdotta dalla Legge Bersani n.40/2007,
grazie a questa normativa è diventato possibile trasferire il proprio mutuo a costo zero da una banca all’altra, nel caso quest’ultima proponga delle condizioni migliori.

Come trovare la Surroga Mutuo più conveniente
La surroga del mutuo permette di modificare i parametri di questo, senza variare il debito residuo e senza alcun costo aggiuntivo per il cliente.
La sostituzione del vecchio mutuo con uno nuovo, dovrebbe permettere alle famiglie che lo richiedono un abbassamento del costo degli interessi, della rata o degli anni che rimangono per la restituzione della somma richiesta.

Come trovare la Surroga Mutuo più conveniente?

Come trovare la Surroga Mutuo più conveniente

Per scegliere quale sia la surroga mutuo più conveniente e quali siano quelle che permettono di risparmiare di più è necessario chiedere preventivi a più banche.
La sostituzione del mutuo deve avvenire in condizioni vantaggiose,
altrimenti non converrebbe optare per una surroga.

Valutare le varie offerte delle banche, vi permetterà invece di sapere se è possibile o meno effettuare la surroga, inoltre alcuni istituti finanziari offrono anche una somma aggiuntiva,
per i lavori di ristrutturazione o per altre spese legate alla casa.

Surroga mutuo a tasso fisso o a tasso variabile?

La surroga mutuo può essere effettuata sia con tasso fisso sia variabile, a seconda delle proposte delle banche.
Sicuramente al momento della scelta, bisogna considerare che i tassi d’interesse per la surroga mutuo a tasso variabile sono sempre più convenienti.

La scelta del tasso fisso o variabile.

In questo caso, il tasso d’interesse è al quanto basso, ad esempio la surroga mutuo BNL a tasso variabile, prevede un tasso pari allo 0,88%.
Il tasso fisso, invece proposto dalle banche è tra l’1,60% e l’1,70% a seconda della banca in cui si richiede il preventivo.
Nonostante i tassi d’interesse del variabile siano più vantaggiosi in molti preferiscono optare per il fisso,
che offre di solito una rata sicura e stabile per tutta la durata del mutuo,
a differenza del variabile che prevede un’oscillazione della rata a seconda delle condizioni di mercato.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *