Modello Unico 2017 – Cos’è la Dichiarazione dei Redditi

Il Modello Unico 2017 è il modelle con cui si determina la cosi detta Dichiarazione dei Redditi.
Ogni anno ci sono dei cambiamenti, ma le novità ve le diremo a seguire.
La novità più urgente da conoscere è la nuova forma di elaborazione della Denuncia dei Redditi, adesso si può fare con il modello Unico Precompilato 2017 direttamente dal sito dell’Agenzia delle Entrate.

L’Unico PF 2017 può essere scaricato dopo apposita registrazione fatta al sito dell’Agenzia delle Entrate.
Bisogna seguire la procedura per la registrazione a Fisconline, leggi il nostro articolo per sapere come si fa.

Il Modello Unico 2017 sono obbligati a farlo tutti coloro che possiedono degli immobili, fabbricati o terreni.
Ma anche coloro che percepiscono più di un reddito durante l’anno precedente all’anno della dichiarazione.

A seconda del tipo di reddito che si ha è opportuno fare un tipo di dichiarazione anzichè un’altra.
La scelta cade sul modello Redditi 730 oppure il modello Unico 2017.

Modello Unico 2017

Modello Unico 2017 – Conviene il modello Unico o il 730?

Diciamo che entrambi i modelli ottengono lo stesso risultato, farci pagare le tasse.

Il modello 730 diciamo che potrebbe essere una versione semplificata del modello per la dichiarazione dei redditi.
Questo modello 730 può essere utilizzato solamente da alcuni tipi di contribuenti con determiante situazioni.

Questi contribuenti sono:
– pensionati e lavoratori dipendenti
– contribuenti con indennità sostitutive di reddito di lavoro dipendente
– soci di cooperative di produzione e lavoro, di servizi, agricole e di prima trasformazione dei prodotti agricoli e di piccola pesca
– sacerdoti della Chiesa cattolica
– giudici costituzionali, parlamentari nazionali e altri titolari di cariche pubbliche elettive
– soggetti impegnati in lavori socialmente utili
– produttori agricoli esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei sostituti d’imposta, Irap e Iva

Modello Unico è il modello di dichiarazione unificato.
E’ un modulo completo e complesso che devono compilare tutte le persone fisiche e soggetti giuridici che non rientrano nella fattispecie del modello 730.

Soggetti obbligati ad utilizzare il modello Unico che hanno i seguenti requisiti:
– redditi d’impresa
– redditi di lavoro autonomo da partita IVA;
– redditi diversi non compresi tra quelli indicati nel quadro D, rigo D4 del modello 730
– coloro che devono presentare dichiarazioni IVA e IRAP
– colui che non sia stato residente in Italia nei due anni precedenti l’anno della dichiarazione
– percepisca redditi di lavoro dipendente solo da datori di lavoro senza ritenute d’acconto
– plusvalenze da cessione di partecipazioni qualificate

Modello Unico 2017 – Le novità

Quest’anno grandi noviità in ambito fiscale, scopriamole per non essere sorpresi in seguito.

Iniziamo col dire che il Modello Unico cambia nome, quest’anno si chiama Redditi PF 2017.
Questo per facilitare l’utilizzo della dichiarazione dei redditi precompilata.

Tipi di Redditi PF da utilizzare:
Redditi PF online:
Per coloro che inoltrano studi di settore, redditi da partecipazione o modello IVA

Redditi PF web:
Per coloro che presentano la dichiarazione senza scaricare il software

Vi ricordiamo che per poter utilizzare il nuovo Modello Unico, Modello Redditi PF, è necessario essere registrati a Fisconline sul sito dall’Agenzia dell’Entrate.

Tra le novità di quest’anno il nuovo modello Unico 2017 si divide in 4 opzioni:
– Modello Unico Redditi PF per le Persone Fisiche
– Modello Unico Redditi SC per le Società di Capitali
– Modello Unico Redditi SP per le Società di Persone
– Modello Unico Redditi ENC per gli Enti Non Commerciali

Speriamo bene con tutti questi nuovi nomi, speriamo sia più semplice compilare i modelli con il modello unico precompilato  2017.
Con l’unico PF 2017 ed il software unico 2017la redazione del mod unico 2017 dovrebbe essere più veloce e semplice.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on Reddit0Digg thisShare on LinkedIn0Email this to someone
Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti