Novità sul Superbonus 110% ecco cosa è cambiato

su
Gnius
immagine al post Novità sul Superbonus 110% ecco cosa è cambiato

Grandi novità sul Superbonus 110% che sarà presto possibile sfruttare per ristrutturare le nostre case, se non sai di cosa stiamo parlando puoi leggere il nostro articolo su cos’è il superbonus 110%.
Ma andiamo per gradi.
È stata approvata dalla commissione Bilancio della Camera, in data 1° luglio 2020, l’incentivazione fiscale al 110% destinata ai lavori edilizi che hanno lo scopo di “efficientare“, una complicata parola che significa migliorare l’efficienza sotto l’aspetto energetico e antisismico le abitazioni dei cittadini italiani.
Ora proseguiamo spiegando in parole semplici quali sono le novità sul Superbonus 110% in dettaglio.

Superbonus 110

Foto di Free-Photos da Pixabay

Superbonus 110% o Super Ecobonu a cosa si applica

Il provvedimento, introdotto dal Decreto legge Rilancio, da 55 miliardi, ha subìto una modifica importante dopo il passaggio alla Camera: estensione del Super ecobonus anche alle seconde case (tra cui villette monofamiliari, plurifamiliari e condomini).
Restano comunque esclusi da questa agevolazione i lavori effettuati su beni definiti di lusso tra cui castelli, ville e immobili prestigiosi presenti nelle categorie catastali A9, A8 e A1.

Questa novità sul Superbonus 110%, che ricordiamolo è una importante detrazione Irpef, coinvolge anche misure di allaccio ai sistemi di teleriscaldamento previsti per le zone montane, sostituzione caldaia, a differenza  del bonus caldaia, in qualsiasi condominio e operazioni di rifacimento del cappotto termico, per il quale sono considerati coperti da incentivo anche i lavori sulle superfici inclinate (dunque i tetti).
Il bonus attualmente ha validità dagli inizi di luglio a fine dicembre 2021, con un occhio di riguardo però che sarà rivolto ai condomini di edilizia popolare, i quali vedranno estendersi questo beneficio fino a giugno 2022.
Inoltre rientrano tra i beneficiari le associazioni di Terzo Settore ad esclusione tuttavia di quello alberghiero.
Tale detrazione sarà anche convertibile in credito di imposta cedibile.

Ridefiniti infine i limiti di investimento da incentivare, fissato a 50 mila euro per lavori sulle villette a schiera, 40 mila euro per la singola unità per condomini che ne prevedono da 2 a 8, 30 mila euro ad unità per quelli invece più grandi.
Tra i 15 ed i 20 mila euro il massimale previsto per lavori legati al riscaldamento.

Quanto manca per richiederlo

Tra le novità sul Superbonus 110% non è ancora chiaro quando potremo usufruirne.
In attesa di una ormai imminente approvazione da parte del Senato, tali modifiche contribuiranno in maniera ancora più determinante nel piano di tutela ambientale e di sviluppo economico messo in atto dall’attuale Governo, che con questa scelta coraggiosa dimostra di avere le idee chiare per far ripartire la cosiddetta “macchina Italia” nel bel mezzo di un periodo storico assai delicato soprattutto sotto l’aspetto dell’economia.
Verrà data quindi la possibilità ai cittadini di rimodernare le proprie abitazioni sotto il profilo energetico e della sicurezza facendo affidamento su un incentivo fiscale del 110%.

Condividi subito
Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Amazon Pixel