Calcolo Tasi Ravenna

su
Gnius
immagine al post Calcolo Tasi Ravenna

Per il Calcolo Tasi Ravenna ha già preparato tutti i parametri necessari ai cittadini per la tassa sulla casa.
Vediamo in parole semplici cosa e come bisogna fare per pagare, ahimè, anche queste tasse.
Calcolo Tasi Ravenna

La Tasi è la tassa sui servizi indivisibili, introdotta quest’anno dalla legge di stabilità.
A differenza di quel che si è portati a pensare, questa tassa non sostituisce l’IMU .
Ma si unisce all’imposta sugli immobili e alla Tari (ex Tares, imposta sui rifiuti) per formare la IUC, ossia l’Imposta Unica Comunale.

Una rivoluzione linguistica che nei fatti non ha portato a grandi differenze con le tasse pagate in precedenza.
Fatta eccezione di qualche parametro di calcolo che è stato aggiunto.

Quando si parla di Tasi, ci si riferisce alla tassa che ogni cittadino (proprietario o affittuario) è tenuto a versare al comune di residenza per poter usufruire dei servizi indispensabili.
Illuminazione stradale, interventi di manutenzione, strade e giardini, opere di sicurezza, questi sono i servizi pagati con la Tasi.

Ovviamente, in linea generale, tutti i cittadini di Ravenna, come degli altri comuni italiani, sono tenuti al pagamento di questa tassa ma ci sono delle eccezioni.

Infatti, tutti gli immobili che possono essere ricondotti allo Stato non pagano la quota Tasi, così come non viene pagata dagli immobili di proprietà del comune, della provincia e della regione che si trovano sul territorio comunale di Ravenna.

Sono esentati anche gli immobili riconducibili al Vaticano e tutti quelli che sono stati destinati a un utilizzo culturale, sanitario e, comunque, di pubblica utilità.

Calcolo Tasi Ravenna – Come fare i conti

Il calcolo Tasi Ravenna va effettuato sulla base dell’aliquota prevista dal comune: ogni ente comunale, infatti, ha piena autorità di decidere l’aliquota da far pagare ai suoi cittadini, ovviamente entro un certo margine imposto dallo Stato.

Quest’anno l’amministrazione comunale ravennate ha stabilito che l’aliquota della Tasi è del 3,3 per mille (il massimo applicabile).
Attenzione è necessario tenere conto delle detrazioni e degli sgravi previsti per legge.

La base imponibile per il calcolo dell’importo della Tasi è la stessa che viene prevista per il calcolo dell’IMU.
Si ottiene rivalutando la rendita catastale del 5% e moltiplicando il prodotto per un coefficiente noto che, nel caso delle abitazioni civili, per esempio, è pari a 160.

Su questo risultato, che è la base imponibile, si può calcolare la Tasi moltiplicandola per il 3,3 per mille.
Il comune di Ravenna ha anche comunicato lo schema delle detrazioni per il 2014 attraverso una delibera pubblica, che prevede:

  • 140 di detrazione per tutti gli edifici che insistono nell’area territoriale di Ravenna con rendita catastale fino a 250 euro;
  • 120 euro di detrazione per gli edifici del territorio che hanno una rendita catastale compresa tra 251 e 350 euro;
  • 90 euro di detrazione per gli edifici di Ravenna con rendita catastale oltre i 351 euro e fino a 450 euro;
  • 50 euro di detrazione massima per gli edifici che, invece, hanno una rendita catastale che supera i 451 euro ma non supera i 650;
  • Oltre i 650 euro di rendita catastale, il comune di Ravenna non prevede nessuna detrazione.

Nell’ambito delle detrazioni fiscali, il comune di Ravenna ha deliberato ulteriori fattori da inserire nel calcolo della Tasi.
Tra cui:

  • Figli di età inferiore ai 26 anni;
  • Figli affetti da disabilità conclamata oltre il 76%, senza limiti di età.

Calcolo Tasi Ravenna – Entro quanto va pagata?

Il comune di Ravenna ha anche stabilito le scadenze per il versamento delle rate.
La prima, infatti, scade il 16 ottobre e la seconda il 16 dicembre, che altro non è che un conguaglio.

I cittadini di Ravenna dovranno procedere al pagamento attraverso la compilazione del bollettino postale.
Il bollettino verrà inviato a casa di ogni nucleo familiare.
Insieme al bollettino c’è la comunicazione inoltrata da Hera, ente che ha assunto la responsabilità del servizio per il 2014.

Grazie a questo sistema, Ravenna è riuscita a bypassare i problemi che si sono creati in altre città italiane.
Normalmente il pagamento di questa tassa era possibile esclusivamente attraverso la compilazione del modulo F24.

Chi avesse qualche dubbio circa il pagamento e il calcolo della Tasi a Ravenna, può rivolgersi agli uffici comunali.

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]
Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi