Regione Lazio Microcredito per adozioni, agevolazioni per coloro che voglio adottare

su
Gnius
immagine al post Regione Lazio Microcredito per adozioni, agevolazioni per coloro che voglio adottare

Regione Lazio Microcredito per adozioni è la nuova proposta che la Regione Lazio ha promosso per le adozioni.
La Regione Lazio lancia per il 2018 il nuovo Microcredito dedicato a tutte le famiglie che hanno figli adottivi.

Regione Lazio Microcredito per adozioni
Questa linea di credito aperta dalla Regione Lazio, permetterà a tutte le famiglie adottive di ottenere un prestito sino a un massimo di 25 mila euro con un tasso agevolato.
Il tasso d’interesse è fissato all’1% ed è previsto un piano di rientro in al massimo sette anni.

Regione Lazio Microcredito per adozioni cos’è?

La linea di microcredito per le adozioni della regione Lazio, permette a uno o entrambi i coniugi di ottenere da i 5.000 mila sino a un massimo di 25.000 mila euro.
Questi possono essere restituiti in un arco di tempo tra i 12 e gli 84 mesi.
L’idea di questo finanziamento, nasce dall’assessore Bianchi, che ha già adottato due bambini russi,
e sa bene quanto sia difficile far fronte alle spese per l’adozione.

Le spese complete tra viaggi, spese legali e documenti è possibile arrivare a una spesa totale pari a 30.000 mila euro, per questo motivo c’è bisogno di un sostegno economico per chi desidera adottare.

Microcredito a chi rivolgersi?

Potranno avere accesso al finanziamento previsto dal microcredito tutte le famiglie che risiedono nella Regione Lazio. Sono incluse anche le famiglie con cittadini stranieri che risiedono in regione e sono in possesso del regolare permesso di soggiorno.
Infine, tutti coloro che richiedono il microcredito devono essere in possesso del Decreto d’Idoneità,
che conferma che la famiglia è idonea all’adozione nazionale e internazionale.
Per richiedere il microcredito, bisogna rivolgersi agli enti segnalati dalla Regione Lazio.
Al momento della richiesta negli istituti finanziari aderenti non saranno richieste garanzie patrimoniali, personali o finanziarie.
Infine, il finanziamento potrà essere richiesto esclusivamente per coprire i costi di pre-adozione, i viaggi, i servizi degli enti privati e le imposte straniere.


Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *