Come fare una fattura commerciale

su
Gnius
immagine al post Come fare una fattura commerciale

Siete entrati da poco nel modo dei professionisti quindi è importante sapere come fare una fattura commerciale ben fatta e corretta.

Come fare una fattura commercialeLa fattura commerciale o proforma è quel documento obbligatorio, redatto da un venditore che sia titolare di Partita IVA ,
la fattura commerciale come prova del credito è una realtà ormai da diversi anni.

Come fare una fattura commerciale e cos’è?

Si sente parlare di fattura commerciale accompagnatoria, molti si domandano la fattura commerciale come si fa?
Per chiarire, la fattura commerciale va a comprovare l’avvenuta cessione di beni o prestazione di servizi,
quindi il diritto a incassarne il prezzo per una prestazione effettivamente fatta.

Chi deve emettere la fattura commerciale

La devono emettere tutti coloro che sono titolari di Partita Iva e devono emettere fattura,
quando vendono un bene o prestano un servizio, a seconda dell’attività che svolgono.
Vi sono comunque alcune esenzioni quando non è espressamente richiesto dal cliente al momento di effettuare un operazione,
il venditore è esentato dall’obbligo di emettere la fattura nei casi che seguono in lista:
– commercianti al dettaglio
– agricoltori che commerciano beni di propria produzione
– prestazioni alberghiere
– somministrazione al pubblico di alimenti e bevande
– autotrasporti di persone
– transito sulle autostrade
– chi presta servizi in forma ambulante o nell’abitazione di clienti

Questi operatori hanno comunque l’obbligo di rilasciare al cliente altri documenti che siano valevoli al controllo fiscale,
quali la ricevuta fiscale e lo scontrino fiscale.

Cosa deve contenere la fattura commerciale

La fattura è emessa in due esemplari:
n° 1 l’originale, da consegnare o spedire al cliente
n° 2 la copia che verrà conservata dall’emittente almeno per 10 anni

La fattura conterrà, per essere considerata valida:
1. la data di emissione e il numero progressivo attribuito
2. i dati identificativi dell’emittente,
ovvero il nominativo o la ragione sociale, nel caso di società, l’indirizzo, il numero di partita IVA, il codice fiscale e l’iscrizione al Registro delle imprese
3. i dati identificativi del compratore,
ovvero il nominativo o la ragione sociale, nel caso si tratti di una società e l’indirizzo
4. la tipologia di pagamento
5. gli estremi dei documenti di trasporto
6. la natura, qualità e quantità dei beni venduti
7. prezzo unitario dei beni e prezzo complessivo
8. eventuali sconti
9. l’aliquota e l’ammontare dell’IVA
10. il totale fattura ovvero l’importo totale a debito del compratore

Ora sapete ben riconoscere una fattura sia se la dovete fare che ricevere,
comunque sappiate che da Gennaio 2019 per molti diventa obbligatoria la fatturazione elettronica.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.