Confronto Prestiti On Line, come farlo per trovare il miglior prestito online

su
Gnius
immagine al post Confronto Prestiti On Line, come farlo per trovare il miglior prestito online

Nel corso della vita, ed in diverse occasioni, può capitare la necessità di richiedere un prestito presso un istituto di credito.
Il confronto prestiti on line serve per aiutarci a decidere qual è la tipologia di prestito più adatta alle proprie esigenze.
Nei passi successivi vedremo proprio come si effettuerà un confronto tra prestiti on line.
Inoltre, si illustreranno tutte le peculiarità e le particolarità di ogni tipologia di prestito.confronto prestiti on line

Confronto prestiti on line facciamo un esempio

1) Poste Italiane
Con Poste Italiane potete ottenere diverse tipologie di prestiti che spaziano in base alle vostre esigenze.
Con Prestito BancoPosta si potrà ottenere un prestito fino ad un massimo di 30.000, solo per correntisti BancoPosta.
Con Prontissimo BancoPosta, si potrà ottenere un prestito massimo di 20.000 euro, senza avere l’obbligo di apertura di un conto corrente.

2) Rataweb
Con Rataweb potete ottenere un credito personale con TAN a 5,65% e TAEG a 5,83% (Indice Sintetico di Costo), spese iniziali pari a 16€ ,
se l’importo richiesto risulta essere di 30.000 e la durata del finanziamento di 72 mesi.

3) Findomestic
Con Findomestic potete ottenere un credito immobiliare con TAN a 5,70%  TAEG a 5,85% (Indice Sintetico di Costo),spese iniziali pari a 0,00 EUR
se l’importo richiesto risulta essere di 30.000 e la durata del finanziamento di 72 mesi.

Confronto prestiti on line, i comparatori per farsi un’idea

Vi consigliamo anche di affidarvi ai comparatori di prestiti che si possono trovare facilmente sui motori di ricerca on line,
in modo che abbiate così un migliore prospetto e confronto di tutte le offerte prestiti on line che fanno per voi.

Dall’esempio potete capire che una volta decisa la somma e l’utilizzo del prestito on line le cose da tenere d’occhio sono,
i tassi TAN e TAEG, perché nonostante siano dipendenti dai fattori di economia nazionale, possono esserci variazioni,
che anche se sono di pochi punti percentuali, alla fine del prestito possono diventare centinaia di euro.

L’altra cosa da confrontare sono le spese iniziali e se ci sono eventualmente spese di chiusura prestito.

Questi dati vi servono a capire il costo finale e quello delle rate, ma non è tutto.
Ci sono costi extra che non vengono indicati in maniera precisa, uno è di apertura di conti correnti,
che le finanziarie indicano come obbligo per la richiesta del prestito, questo tipo di obblighi diventano spese accessorie,
sono costi che bisogna calcolare come costi del prestito.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi