Mutui Moratoria 2016

su
Gnius
immagine al post Mutui Moratoria 2016

Mutui Moratoria 2016 come fare a presentare la richiesta per sistemare la situazione del proprio mutuo.
Per chi ha bisogno di sospendere il pagamento del mutuo può vedere se rientra nella moratoria sui mutui per il 2016.
E’ stata validata dalla legge di stabilità del 2015 ed è attiva per il 2015,2016 e 2017, ma entriamo nel dettaglio più avanti.

Mutui Moratoria 2016Mutui Moratoria 2016 – Cos’è

La Moratoria dei Mutui è un modo diverso per dire Sospensione della Rata.
E’ una norma di legge introdotta nella legge di stabilità del 2015.

La norma ha regolamentato ed ha disciplinato l’obbligo d’accordo tra il Ministero dello Sviluppo Economico, il Ministero dell’Economia, l’ABI e le associazioni di categoria.
Ossia rappresentanti di consumatori e le associazioni per le imprese, di concordare le attività e le documentazioni necessarie per permettere la sospensione della quota capitale dei mutui.
Anche se non è stata molto pubblicizzata la sospensione è attiva dal 31 marzo del 2015 per tutto il 2017.

Mutui Moratoria 2016 – Per quante rate e quali anni si può chiedere la sospensione

La sospensione si può richiedere per un massimo di 12 rate mensili per gli anni 2015,2016 e 2017.
Per richiedere la sospensione sono necessari dei requisiti che dovranno essere soddisfatti dal contraente del mutuo, e sono:

Perdita del lavoro. Sia a tempo determinato che indeterminato, o anche del tipo di rapporto lavorativo indicato all’articolo 409 del cpc.

Sospensione e/o riduzione dell’orario di lavoro.
Partendo da un periodo minimo di 30 giorni, anche in attesa dell’attivazione dei sistemi di sostegno al reddito.
Ma anche altri ammortizzatori sociali. E’ necessaria la comunicazione del datore di lavoro.

Morte. Presentando le certificazioni richieste da parte degli eredi.
Inabilità o handicap grave che comporta una condizione di non autosufficienza, deve essere certificato dalla ASL di competenza.

Mutui Moratoria 2016 in pratica

Beh, in pratica ci vengono offerte due soluzioni.
La prima è quella di ripagare solo gli interessi, ovvero eliminando dalla rata la “quota capitale”.
Una soluzione molto conveniente per chi è negli ultimi anni di mutuo, dato che all’inizio si paga quasi solo la quota degli interessi.
La seconda è la sospensione completa della rata del mutuo, molto più utile per chi ha acceso il mutuo da pochi anni.

Da tenere in considerazione c’è il fatto che il mutuo durerà un anno in più, quindi scegliendo la prima soluzione.
Pagando solo gli interessi, non si avranno costi aggiuntivi alla ripresa della normale rateizzazione del mutuo.
Scegliendo la seconda soluzione si avranno delle rate un po’ più alte dovuto al fatto che c’è stata la sospensione degli interessi.
Devono comunque essere pagati alla banca o alla finanziaria.

Quindi scegliete bene la soluzione più adatta a voi.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.