Disoccupazione agricola 2018 quando arriva

su
Gnius
immagine al post Disoccupazione agricola 2018 quando arriva

State attendendo la disoccupazione agricola 2018 quando arriva?
Agricoltura disoccupazione domanda, la disoccupazione a chi spetta?

Disoccupazione agricola 2018 quando arriva

Questa tipologia di disoccupazione spetta ai seguenti soggetti:
– operai agricoli con contratto a tempo determinato
– piccoli coloni
– compartecipanti familiari
– piccoli coltivatori diretti che raggiungono 51 le giornate di iscrizione negli elenchi nominativi attraverso dei versamenti volontari
– operai agricoli a tempo indeterminato che svolgono la propria mansione per buona parte dell’anno

Disoccupazione agricola 2018 quando arriva

Sul tema disoccupazione a chi spettano e per quanto tempo i compensi c’è da dire che questa forma dedicata al comparto agricolo è un indennità specifica e particolare alla quale hanno diritto operai che svolgono un impiego in agricoltura e che sono iscritti negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli.

Per la disoccupazione a chi rivolgersi?

L’indennità di disoccupazione agricola, va come visto, ai lavoratori agricoli che hanno le seguenti caratteristiche,
quali:
1. un iscrizione negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli dipendenti,
valevole sull’anno al quale si riferisce la domanda o il rapporto di lavoro agricolo a tempo indeterminato per porzione dell’anno lavorato,
2. a coloro che abbiano minimo due anni di anzianità di assicurazione contro la disoccupazione involontaria,
3. a coloro che abbiano accumulato un minimo di 102 contributi giornalieri nel biennio in cui rientra anche l’anno cui si riferisce l’indennità e relativo all’anno precedente.

Rispetto a quest’ultimo punto va ricordato che possono essere impiegati al fine del raggiungimento dei 102 contributi,
anche i contributi figurativi che riguardano i periodi di maternità obbligatoria e congedo parentale, compresi nel biennio sopra riportato.

Domanda dove farla?

Per rispondere alla domanda sul dove rivolgersi, occorre rivolgersi all’Ente predisposto e di gestione della disoccupazione,
per quanto riguarda la formula agricola tale ente è l’INPS, ovvero l’Istituto di Previdenza Sociale.

Tuttavia per maggiori info è bene consultare le pagine web dell’ente e qualora si avessero domande specifiche che non trovano risposta via web occorre che l’operaio contatti la sede territoriale di riferimento INPS presentandosi agli sportelli della stessa.

Ricordiamo che la scadenza della domanda ha una data stabilita ed è entro il 31 marzo di ogni anno.

Modalità di pagamento disoccupazione agricola 2018

Particolarmente rilevante saper che l’indennità è pagata direttamente dall’INPS in una sola soluzione.
Quindi nel monento in cui farete la domanda telematica, sarà importante specificare come vorrete essere pagati, quindi scegliere:

1. accredito su:
– c/c bancario o postale
– libretto postale
– carta di credito prepagata intestata al beneficiario,
il richiedente deve inserire l’ IBAN per il pagamento.

2. bonifico presso qualsiasi Ufficio Postale localizzabile per CAP.

3. il pagamento in contanti è previsto unicamente per importi fino a 1.000 euro, incassabile previo accertamento del beneficiario richiedente tramite:
– documento di riconoscimento;
– codice fiscale;
– consegna dell’originale della lettera di avviso del pagamento.

Importante sapere che l’indennità non è corrisposta nel caso in cui la domanda viene presentata oltre il termine di scadenza.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.