Come si ricarica la card del Reddito di Cittadinanza

su
Gnius
immagine al post Come si ricarica la card del Reddito di Cittadinanza

Abbiamo già scritto a chi spetta il Reddito di Cittadinanza e come sarà consegnata la carta prepagata delle Poste.
La carta prepagata sarà caricata con soldi calcolati dall’INPS  prima della consegna alle personeche avranno fatto richiesta e che ne avranno diritto.
Ma una volta passato il mese come si ricarica la card del Reddito di Cittadinanza?

Come si ricarica la card del Reddito di Cittadinanza

Ancora non si sa il giorno esatto, ma l’INPS dovrebbe dare mandato (e soldi) alle Poste per ricaricare tutte le carte prepagate del Reddito di Cittadinanza tra la fine del mese in corso e quello successivo.

Dato che i soldi sulla carta prepagata non possono essere accumulati l’operazione sarà quasi certamente effettuata di notte, in modo che non ci siano possibilità di acquisto durante la delicata fase di ricarica.
Questo è uno dei motivi del perché non è possibile acquistare online con la carta prepagata del reddito di cittadinanza.

In parole povere andate a letto l’ultimo giorno del mese con la carta prepagata con 0 euro e vi svegliate il primo del mese successivo con i soldi sulla carta pronti da spendere. Ecco come si ricarica la card del Reddito di Cittadinanza.

Come perdere i soldi sulla carta prepagata

Da quando si riceve la carta prepagata delle Posta si possono iniziare a ricevere le telefonate dai Navigator o dalle aziende che hanno stretto accordi per il reddito di cittadinanza.

Se chiama il Navigator è perché bisogna andare a firmare il patto di lavoro, questo patto è un impegno a partecipare ai corsi di formazione e alle 8 ore di lavoro nei servizi di pubblica utilità.
Se non si firma l’importo sulla carta viene bloccato.

Se si riceve una proposta di lavoro e si rifiuta si viene segnalati e alla terza segnalazione l’importo sulla carta viene bloccato.
Questi sono i motivi più semplici per cui potete veder bloccata la carta prepagata del reddito di cittadinanza.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi