Rottamazione cartelle e la proroga rate

su
Gnius
immagine al post Rottamazione cartelle e la proroga rate

La Rottamazione cartelle e la proroga rate, compresa la rottamazione cartelle Equitalia 2018 proroga è stata introdotta dal Decreto Milleproroghe del 2018.
Secondo questa la rottamazione cartelle a rate potrà essere rinviata e saldata a dicembre del 2018.

Rottamazione cartelle e la proroga rate

In quest’ambito sono in molti a voler sapere dunque con la rottamazione cartelle scadenza della 5 rata è possibile pagare più tardi e sopratutto quando.
Approfondiamo questo specifico argomento insieme!

Rottamazione cartelle e la proroga rate: le novità per la quarta rata

Dopo l’approvazione del Decreto Milleproroghe, tutti coloro che devono pagare le cartelle esattoriali della rottamazione potranno scegliere di unire le rate di settembre, ottobre e novembre e si potranno pagare direttamente a dicembre.
Dunque fino a quanto la rottamazione cartelle?
Per tutti coloro che stanno seguendo il percorso di rottamazione, il limite massimo previsto è alla fine dell’anno,
quindi il pagamento della quarta rata non potrà essere fatto dopo dicembre del 2018.
Il pagamento della quinta rata invece al momento è prevista per il mese di Febbraio del 2019.

Proroga Rottamazione Bis: a chi è destinata?

La proroga rottamazione Bis non è destinata a tutti coloro che hanno scelto di rateizzare il proprio debito con  l’Agenzia delle Entrate,
infatti sono solo alcuni gli interessati a questa specifica rottamazione bis.
Come si evidenzia dal decreto, chi potrà rimandare le rate, sono esclusivamente i contribuenti che hanno acceso la rateizzazione tra settembre e gennaio del 2017.

Per tutti quelli che hanno scelto di fare la rottamazione in questo periodo la scadenza della quarta rata è rinviata a dicembre 2018,
mentre quella della quinta rata è a Febbraio del 2019. Per gli altri contribuenti invece rimane invariato il calendario della rottamazione delle cartelle precedenti al 2017.

Chi vorrebbe accedere adesso alla rottamazione, invece dovrà attendere,
perché questa non è prevista più almeno sino a quando non finirà l’anno e verrà approvata la nuova Legge di Bilancio.
Infatti, per accedere alla nuova rottamazione o condono bisognerà aspettare la nuova pace fiscale.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi