Quali sono i migliori investimenti per quest’anno

su
Gnius
immagine al post Quali sono i migliori investimenti per quest’anno

Stiamo a Marzo, dopo le elezioni, ed abbiamo chiarito un po’ di idee su quali sono i migliori investimenti per quest’anno.
Sono tantissime le informazioni riguardo gli investimenti sicuri ma tutte convergono su poche ma sicure strategie,
che non promettono guadagni esageratamente alti, ma sicuramente limitano i rischi di perdite.

i migliori investimenti

Abbiamo letto e chiesto a chi lavora nel mondo finanziario,
ai gestori dei siti economici che conosciamo,
e abbiamo tratto delle decisioni riguardo ai vari tipi di investimenti che,
anche se non portano grandi guadagni, sicuramente non avranno perdite.
Vediamo quali sono i migliori investimenti che possiamo fare durante l’anno in corso.

Trovare i migliori investimenti possibili

Le forme di investimento che abbiamo analizzato sono molte, dai bitcoin, ai beni rifugio, fino alle azioni,
tra questi  abbiamo visto che i migliori per sicurezza sono principalmente 4:
i conti deposito, i buoni fruttiferi, i fondi comuni obbligazionari, gli immobili.
Una nota particolare riguarda le azioni, che tratteremo a parte.

Conti Deposito

Come sappiamo abbiamo 2 tipi di conti deposito, quelli liberi e quelli vincolati.
La scelta tra l’uno e l’altro dipende principalmente dalla possibilità di bloccare una certa somma per un lasso lungo di tempo,
oppure di avere accesso al denaro del conto in libertà.

Ovviamente la scelta del miglior conto deposito dipende dalla bontà e dalla banca in cui si va ad aprirlo,
per questo è bene scegliere le banche che sono più solide e che investono in maniera costante durante l’anno,
e soprattutto che investano in mercati sicuri.

Questo è possibile informandosi sia sui siti delle banche, i più esperti possono guardare anche i bilanci dell’anno scorso,
sia direttamente in filiale facendosi dare le informazioni necessarie dai consulenti finanziari.
Al momento sono tra i migliori investimenti possibili per l’anno corrente.

Buoni Fruttiferi

I Buoni Fruttiferi Postali restano ancora un ottimo investimento anche quest’anno.
Anche se il rendimento è basso, si va dallo 0,40% all’1,50% a seconda del buono fruttifero sottoscritto,
il vantaggio della detassazione al 12,50% fa si che il guadagno finisca per la maggior parte nelle nostre tasche.

Per chi vuole investire una somma ai propri figli o nipoti, ancora minorenni, c’è un buono fruttifero postale al 2,00%.
Il vantaggio dei buoni fruttiferi non è nella rendita, ma nella sicurezza che si ha investendoci i soldi.
Ad oggi è l’unico sistema di investimento che ha rischio zerio, essendo erogati dalla Cassa Depositi e Prestiti.

Fondi comuni obbligazionari

I fondi comuni obbligazionari sono composti da un gruppo diversificato di obbligazioni, il vantaggio è data dal lavoro dei gestori,
che cercano la migliore combinazione possibile di obbligazioni, cercando di massimizzare i profitti.
Il vero vantaggio per il risparmiatore o per l’investitore è dato proprio dalla diversificazione delle obbligazioni.
La diversificazione delle obbligazioni del fondo fa si che il rischio sia sempre molto limitato,
questo perché se un gruppo di obbligazioni rende meno nel paniere del fondo comune di obbligazioni ci sarà un gruppo che va meglio.

La scelta del miglior fondo è quindi abbastanza limitata, e per decidere tra i fondi comuni obbligazionari quale è il migliore,
di solito, si decide più che altro sulla durata.
Se c’è un momento di recessione si scelgono fondi a lunga durata, se invece è un momento di crescita si sceglie un fondo obbligazionario a breve termine.

Immobili

migliori investimenti sicuri

Il bene di rifugio per eccellenza, e visto lo stato attuale dei tassi sui mutui, l’immobile è il miglior investimento possibile.
Il problema è che per acquistare un immobile c’è bisogno di una liquidità importante, necessaria per minimizzare le spese.
C’è da considerare pure il fatto che è un investimento che non si sa bene quando riscattare, vendendo l’immobile,
dato che il mercato edilizio sembra avere un nuovo stop.
Non si parla di un abbassamento dei valori delle case come negli scorsi anni.
Se pensate di comprare a 100 oggi e rivendere a 120 tra 3 anni, beh, nessuno può garantirvi il successo di questa operazione.

Azioni si ma solo di aziende solide e poche nazionali

Basta aprire un sito di news economiche online per capire che ci sono aziende che nonostante la recessione stanno crescendo.
Tra le aziende del web Google e Amazon la fanno da padroni, e acquistare le loro azioni oggi sicuramente non è un suicidio.
Riguardo le produzioni automobilistiche Toyota, FCA e Ferrari sono le aziende che nello scorso anno sono andate meglio,
e c’è motivo di credere che anche quest’anno avranno una crescita continua, magari meno rapida dell’anno scorso,
che hanno approfittato del vantaggio dato dal problema dei diesel del gruppo Volkswagen.
Riguardo a Google e FCA c’è da aspettarsi un’impennata quando in USA inizieranno a vendere le auto a guida autonoma,
prodotte da Chrysler (FCA) con software Google.

In Italia abbiamo principalmente 2 aziende di cui è possibile comprare le azioni, e sono le Poste italiane e Unicredit.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.