Carta Docente 2018-2019 come funziona?

su
Gnius
immagine al post Carta Docente 2018-2019 come funziona?

Avete mai sentito parlare di Carta Docente 2018-2019, scopriamo cosa sia e chi ne ha diritto.
Che cos’è la Carta docente 2019Carta Docente 2018-2019 come funziona?

Carta Docente 2018-2019

La carta docente Miur è un iniziativa presa dal Ministero dell’Istruzione e della Ricerca e prevista dalla legge 107 – 13 luglio 2016 art.1 comma 121,
si tratta di una carta elettronica utile all’aggiornamento e alla formazione dei docenti di ruolo che operano all’interno degli Istituti Scolastici.

La Carta Docente 2018-2019 a chi spetta?

La Carta viene consegnata e spetta ai docenti di ruolo a tempo che siano o meno a tempo pieno e vale anche per i docenti che si trovano in periodo di formazione e prova,
spetta anche ai docenti dichiarati inidonei per ragioni di salute rientranti nei parametri definiti dall’art. 514 del Dlgs.16/04/94, n.297,
e successive modificazioni, vale anche per i docenti in posizione di comando, distacco, fuori ruolo o altrimenti impiegati,
ha validità per i docenti che esercitano la professione all’estero, o in scuole militari.

I temi della carta docente scadenza e della carta docente cosa comprare sono presto chiariti.
Ad esempio l’importo della carta è di 500 € annui per ogni anno scolastico.

Con la carta docente si possono acquistare diverse merci:
– libri e testi in formato cartaceo o digitale, che siano utili all’aggiornamento professionale
– hardware e software
– iscrizione a corsi per aggiornamento e qualificazione delle competenze professionali, che siano eseguiti da enti accreditati presso il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca
– iscrizione a corsi di laurea, anche magistrale, specialistica o a ciclo unico, che siano attinenti al profilo professionale
– titoli di accesso per rappresentazioni teatrali e cinematografiche
– titoli per l’ingresso a musei, mostre, eventi culturali e spettacoli dal vivo
– iniziative che abbiano a che vedere con le attività relative all’ambito del piano triennale dell’offerta formativa delle scuole e del Piano nazionale di formazione secondo ciò che suggerisce l’articolo 1, comma 124, della legge n. 107 del 2015

Insomma che dire un bel aiuto per migliorare il proprio insegnamento su ogni fronte, possono sembrare pochi,
tuttavia ben spesi daranno il loro frutto.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi