Revoca bonifico periodico

su
Gnius
immagine al post Revoca bonifico periodico

Per facilitare alcuni pagamenti ordiniamo dei bonifici mensili in banca fissi,
ma come si revoca bonifico periodico nel caso in cui non ci serva più?
Il bonifico periodico, noto ai più come RID bancario, Rapporto Interbancario Diretto,
consente agli utenti di inviare automaticamente, ad intervalli di tempo prefissati,
determinate somme di denaro ai destinatari indicati.

Revoca bonifico periodicoSi tratta di un servizio utile ed estremamente comodo per il pagamento delle rate del mutuo,
dell’affitto e delle bollette delle utenze domestiche, del fornitore di energia elettrica e dei servizi Internet.
Attivando un RID, è la banca, infatti, ad occuparsi di volta in volta del trasferimento delle somme indicate verso altri conti bancari, sia in Italia che all’estero.
Con un bonifico online i tempi di accredito si attestano sui 2 giorni lavorativi.

Revoca bonifico periodico

Iniziamo con il dire che l’attivazione e la revoca bonifico periodico online sono operazioni estremamente semplici da effettuare.
Le banche online consentono di attivare, gestire e revocare il RID dalla propria area clienti del portale web o tramite l’apposita applicazione.
Vediamo nel dettaglio come revocare un bonifico SEPA online e bloccare definitivamente i pagamenti.

Come annullare bonifico relax banking

Dunque se avete subito un addebito senza aver prima firmato il mandato di autorizzazione allo stesso,
avete 13 mesi di tempo per richiedere all’istituto di credito per iscritto il rimborso dell’operazione.
Se il mandato di autorizzazione all’addebito era stato regolarmente firmato,
tuttavia ci sono contestazioni verso il creditore, come, ad esempio, una bolletta dell’energia elettrica dall’importo molto elevato a causa di errori sul calcolo dei consumi,
entro 8 settimane dall’addebito potete richiedere di essere rimborsati.

Come richiedere revoca addebito periodico su conto corrente

Per richiedere una revoca bonifico permanente ed evitare addebiti futuri,
occorre presentare alla banca un’apposita richiesta di revoca dell’ordine di pagamento mediante addebito sul conto corrente.
La banca ne prenderà atto e, dal mese successivo a quello in cui la revoca viene presentata, provvederà a non addebitare più le somme di denaro.
Qualora abbiate difficoltà nell’ottenere la revoca del RID o ricevere i rimborsi di addebiti subiti,
consigliamo di segnalare l’accaduto alla Casa del Consumatore.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.