Diciamo addio alle O-Key di Banca Intesa

su
Gnius
immagine al post Diciamo addio alle O-Key di Banca Intesa

Addio alle O-Key di Banca Intesa, dal 4 giugno bisognerà iniziare a cambiare e sarà più economico passare al nuovo sistema su smartphone.
Questo è dovuto dal fatto che il 14 settembre l’Italia entrerà ufficialmente nell’era dell’open banking.
Per farlo tutte le banche dovranno introdurre la Strong customer authentication (Sca).
La Sca è un sistema di sicurezza più evoluto delle attuali chiavette con codice unico, che utilizzerà lo smartphone e dove è possibile i sensori biometrici, come il lettore di impronte digitali o il riconoscimento facciale.
o-key banca intesa

L’Italia è solo uno dei paesi che sta cambiando questi sistemi di controllo, infatti la normativa europea Psd2 (Payment services directive) prevede che tutti gli stati membri dell’Unione Europea seguano le direttive della normativa in termini di sicurezza bancaria, anche per i sistemi di accesso ed uso dell’Home Banking.

La Sca rappresenta il centro equilibratore della riforma. I cambiamenti introdotti tutelano maggiormente e responsabilizzano allo stesso tempo l’utente, che dovrà essere sempre più preparato, informato e attento nel concedere il proprio assenso ai servizi.
In questa fase, quindi, il possesso di soft skills digitali è ancora più importante per aprire la porta che ci introduce nell’economia digitale
Maurizio Pimpinella, presidente di Apsp (Associazione prestatori di servizi di pagamento)

Le parole di Pimpinella spiegano chiaramente che questi primi passaggi servono a scolarizzare gli utenti ad un uso più consapevole, e tecnologicamente più evoluto, nell’utilizzo dell’Home Banking, sempre più popolare.
Difatti molte persone preferiscono passare dai conti tradizionali a quelli su internet per risparmiare sui conti correnti anche cambiando banca.

Cos’è la Strong customer authentication

La Strong customer authentication è stata introdotta per ridurre il rischio di frode nei pagamenti elettronici, prevedendo inoltre una maggiore sicurezza in termini di accesso all’home banking e autenticazione di un’operazione.
Per aumentare la sicurezza sono stati progettati sistemi di accesso molto complessi da installare sul proprio smartphone.
A differenza della O-Key lo smartphone permette di collegarsi via internet dialogando con il sistema dell’Home Banking, che in caso di dubbio può interagire con il cellulare per essere sicuro dell’effettivo proprietario del conto corrente.
Non siamo ancora a livelli dei film di fantascienza, in cui sono controllano retina, ma già con le impronte digitali la sicurezza è già molto più alta.
Inoltre rimane il codice unico d’accesso, la cosiddetta One Time Password, ossia una password che è possibile usare una volta sola, come è il codice numerico prodotto dalla O-Key per l’accesso clienti di Banca IntesaSanPaolo.

Il nuovo accesso di Banca Intesa

Entro il 4 giugno tutti i clienti di Banca Intesa Sanpaolo potranno sostituire l’accesso con l’O-Key con la nuova app per smartphone O-Key Smart.
Il nuovo servizio servirà ad accedere al proprio conto corrente e per le varie autorizzazioni per le operazioni.
Dopo il 4 giugno Banca Intesa Sanpaolo invierà un messaggio a tutti i correntisti che ancora non sono passati ad O-Key Smart, indicandogli i motivi per abbandonare la vecchia chiavetta e passare alla nuova app di Banca Intesa Sanpaolo.
Ricordate che comunque vogliate decidere dal 14 settembre la vecchia chiavetta O-Key smetterà di funzionare e non potrete più accedere all’Home Banking di Intesa Sanpaolo.

O-Key Smart di Intesa Sanpaolo

O-Key Smart è una applicazione per smartphone.
Per ogni operazione, dall’accesso clienti all’Home Banking di Banca Intesa alle varie autorizzazioni per le operazioni, si riceve sul proprio smartphone una notifica che dovrà essere autorizzata.
Per autorizzare la notifica, e lo smartphone ne è provvisto, potrai usare l’impronta digitale, se non ha il lettore di impronte digitali allora potrai autorizzare tramite il riconoscimento facciale grazie alla fotocamera dello smartphone.
Se lo smartphone non ha ne il lettore di impronte ne la fotocamera si può comunque autorizzare la notifica inserendo il proprio codice Pin.
Se comunque lo smartphone non preveda la possibilità di utilizzare i sistemi appena indicati Banca Intesa Sanpaolo ha creato il sistema O-Key Sms.
In pratica viene inviato un SMS con un codice di sicurezza che dovrà poi essere inserito nello spazio in cui veniva usato il codice della O-Key.
L’app O-Key Smart di Banca Intesa Sanpaolo è gratuita, invece il servizio O-Key Sms costerà 10 euro l’anno.

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]
Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi