Rimborso banconote danneggiate, dove e come chiederlo

su
Gnius
immagine al post Rimborso banconote danneggiate, dove e come chiederlo

Se vi capita di avere per resto delle banconote rovinate potete rifiutarle.
Viceversa se pagate con una banconota danneggiata il negoziante può rifiutarsi di accettarla.
Se è vero che la banconota è valida se il danneggiamento non è superiore alla metà della banconota stessa,
è altrettanto vero che per noi è difficile comprendere quali sono le banconote danneggiate valide.
Per questo c’è una procedura ben precisa per il rimborso banconote danneggiate.

Rimborso banconote danneggiate

Le banconote strappate o rovinate sono valide?

Da quanto appena detto se alla cassa di un negozio o di un supermercato presenti con soldi danneggiati o strappati,
il cassiere del supermercato può rifiutare il pagamento.
A meno che, ovviamente, non siano danneggiamenti irrisori come angolini mancanti o un segno di penna.

Negli altri casi c’è quel che si chiama dubbio di rimborsabilità, ossia il rischio di vedersi rifiutata la banconota danneggiata dalla banca.
Che significherebbe per il negoziante una perdita pari al valore della banconota stessa.

Il buon senso ci dice quindi che anche se una banconota è leggermente danneggiata o strappata in un angono continua ad essere valida,
resta al negoziante accettarla o meno, e viceversa del cliente di averla come resto.

Quando non è possibile il rimborso banconote danneggiate

Quindi se hai delle banconote danneggiate o rovinate cosa fare?
Se hai una banconota strappata in due (o più) pezzi o danneggiata in altro modo chiedere il cambio in una delle filiali della Banca d’Italia,
allo sportello della tua banca di fiducia, e agli uffici Postali, che però possono rifiutarsi di farlo.
Attenzione!
Il rimborso di una banconota danneggiata ad una sana non è un diritto, ma una richiesta che può essere soddisfatta o meno.
Le banconote vengono prima controllate dal personale della Banca e se è riconoscibile la bontà della banconota all’origine viene rimborsata.
Ma non solo, deve essere chiara la buona fede della persona che richiede il cambio della banconota danneggiata.
Puoi leggere tutti i passaggi per sapere come si possono cambiare le banconote rovinate.

Il rimborso banconote danneggiate non avviene in 2 casi:
1 – Quando l’impiegato di Banca ritiene che il possessore della banconota danneggiata sia in malafede,  o che ha rovinato o  danneggiato la banconota di sua iniziativa allora la banconota verrà trattenuta dalla banca, e verrà poi mandata in distruzione, senza fare nessun cambio ne rimborso.

2 – Quando l’impiegato di Banca non ha la certezza della bontà della banconota all’origine allora la invia all’Amministrazione Centrale.
L’Amministrazione Centrale farà degli accertamenti più accurati, che hanno lo scopo di capire se la banconota è vera,
ed allora verrà effettuato il rimborso con una banconota nuova, o  se la banconota è falsa e che tipo di falsificazione è stata effettuata,
in questo caso ovviamente non sarà cambiata con una banconota nuova.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi