Obbligazioni BEI in Rubli

su
Gnius
immagine al post Obbligazioni BEI in Rubli

Le Obbligazioni Bei in Rubli sono le obbligazioni del mercato Russo.
Quindi oltre al rendimento delle obbligazioni bisogna mettere in conto anche l’andamento del Rublo in confronto all’euro.
Se il rublo sale allora il guadagno aumenta, se il rublo scende il guadagno può trasformarsi in perdita.

obbligazioni bei in rubli

Cosa sono le Obbligazioni BEI in Rubli?

Per finanziare lo sviluppo dell’Europa dell’Est la Banca Europea degli Investimenti ha immesso sul mercato una emissione di due miliardi di bond con durata quinquennale.
I taglia minimi dell’offerta sono da 50 mila rubli.
La cedola offerta è del 6% ogni anno fino al 2018.

L’ISIN dell’obbligazione BEI 6% in rubli 2018 è XS0889394846.
Il rischio che tale bond presenta è semplicemente il cambio di valuta da euro in rubli che al momento è di 40 rubli per 1 euro.
Un modo per tenere d’occhio questo bond è quello di vedere l’andamento di questi indici, per esempio sul Sole24Ore.

Secondo un analista esperto del settore i rischi valutari non sono più quelli che c’erano un tempo.
Le vicende politiche non vanno più ad influenzare l’andamento dei corsi delle emissioni obbligazionarie.

A dare una ulteriore sicurezza sulla stabilità dell’obbligazione BEI in rubli c’è il fatto che negli ultimi dieci anni
la Banca Centrale di Mosca ha riempito i suoi forzieri vendendo dollari e incamerando euro.
Questo prevedendo una espansione commerciale della Russia verso l’Europa.

Le autorità monetarie Russe hanno cercato di dare una stabilità al rublo.
Lo scorso dicembre le stesse autorità per contenere le pressioni inflazionistiche
e mantenere il rublo all’interno di un corridoio definito ha ceduto 720 milioni di dollari e 168 milioni di euro.

L’obiettivo di Mosca era quello di stabilizzare il carovita all’8% e al tempo stesso rifinanziare del 7,75%
portando l’inflazione a scendere del 10% nel corso del 2013.

Obbligazioni BEI in Rubli. E’ rischioso?

L’obbligazione BEI in rubli 6% 2018 dovrebbe essere un investimento che non presenta troppi rischi elevati per chi intende acquistare i bond emessi dalla Banca Europea degli Investimenti.

Considerando poi che un rendimento del 6% annuo rappresenta un tasso di interesse di tutto rispetto,
soprattutto in un periodo di crisi come questo.
I rendimenti dei titoli di Stato sono ai minimi storici;
trovare un modo per investire il proprio denaro senza che i rendimenti siano poi fagocitati dall’inflazione diventa un’impresa sempre più ardua.

Le occasioni come dimostrato dalle obbligazioni BEI in rubli 6% 2018 però non mancano per chi sa dove e come cercarle
e soprattutto quando chi le emette ha la massima affidabilità (AAA).

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.