Novità sul Mutuo o Prestito Vitalizio, Scopriamo Quali Sono

su
Gnius
immagine al post Novità sul Mutuo o Prestito Vitalizio, Scopriamo Quali Sono

Dal 6 maggio 2015 è entrata in vigore la nuova legge che prevede importanti novità sul Prestito Vitalizio.
Prima di entrare nel dettaglio di queste novità sul mutuo, è importante fare un passo indietro. Capire in che cosa consiste il Prestito Vitalizio.

 

Prestito Vitalizio

Cos’è un Prestito Vitalizio

Si tratta di una forma di finanziamento che non prevede rate e che saranno pagate dagli eredi.
Oppure sarà effettuata la cessione dell’immobile ipotecato alla banca, che può essere concessa al raggiungimento di una certa età.
A seconda degli Istituti di Credito o di Intermediari Finanziari con cui si è redatto il mutuo gli accordi sono diversi.

La prima novità sul Prestito Vitalizio è l’abbassamento della soglia d’età.
Infatti  è possibile fare richiesta del mutuo per chi ha compiuto tra i  65 a 60 anni.
Il prestito si accompagna ad un’ipoteca di primo grado sull’immobile di proprietà del richiedente.

Vantaggi del Prestito Vitalizio ipotecario

prestito-vitalizio-ipotecario

L’ammontare del prestito può variare dal 15% al 50% del valore dell’immobile, Inoltre presenta delle leggere differenze a seconda dell’età e del sesso del contraente.
Tra le novità sul mutuo è importante ricordare le modalità di estinzione del debito.
Per legge dovranno provvedere gli eredi entro un intervallo di tempo di 12 mesi dalla morte del contraente del mutuo.
Il mutuo si può considerare estinto con il pagamento della somma dovuta, a cui vanno aggiunti gli interessi maturati.
Questi possono essere a tasso fisso o variabile, così come è specificato al momento della stipulazione del prestito vitalizio.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.