Cosa sono i Beni Rifugio. Se ne parla, ma non si sa bene cosa siano, scopriamolo

su
Gnius
immagine al post Cosa sono i Beni Rifugio. Se ne parla, ma non si sa bene cosa siano, scopriamolo

Si è sentito molto parlare dei beni rifugio e spesso impropriamente,
soprattutto perché non è mai chiara quale sia la definizione di bene rifugio.
Un Bene Rifugio è una cosa che ha un valore reale non legato al mercato economico,
men che mai al mercato azionario.

Questo vuol dire che sono quelle cose, anche oggetti a cui non pensiamo come beni di valore nel tempo.
Non risentono in maniera diretta delle crisi, e che in alcuni casi aumentano di valore con il tempo.
Ecco perché oggi ne sentiamo spesso parlare, perché anche in periodo di crisi i beni rifugio diventano una ricchezza del proprietario ancora più importante .Beni Rifugio

Quali sono beni di rifugio

I beni rifugio non sono tantissimi, si va dai minerali preziosi come:
oro, platino e argento, a oggetti d’arte come sculture e quadri, auto d’epoca di lusso, orologi di lusso e via dicendo.

Ci sono anche monete che sono beni di lusso, come il franco svizzero, che anche in periodi di crisi mantengono una stabilità.
Anzi, aumentano il loro valore quando le altre monete lo perdono.

I Migliori Beni Rifugio

Prima di questa crisi il bene rifugio primario erano gli immobili, case, terreni o capannoni, ma negli ultimi 10 anni tutto è cambiato.
Abbiamo visto prima una crescita e poi un inesorabile declino dei prezzi.
Gli immobili per quanto ancora un bene prezioso, sono stati tolti dai beni rifugio più solidi.

Non c’è una vera e propria lista dei migliori beni rifugio, più che altro c’è una storica lista che rimane immutata oramai da centinaia di anni.

Iniziamo con i minerali preziosi, il platino e l’oro in primis.
Il primo per il valore intrinseco del metallo, il secondo perché è sull’oro che si basa la ricchezza di un paese.
Infatti l’oro non subisce mai una svalutazione come per le monete.

Meno prezioso ma altrettanto sicuro sono l’argento e il rame.
Anche se uno in casa non tiene tonnellate di rame, ma magari ha comprato azioni o quote di una società che estrae o lavora il rame.
In questo caso è un bene rifugio “indiretto”.

Un’altro bene rifugio molto in auge sono le auto d’epoca.
Poiché sono oggetti che se ben tenuti tendono ad aumentare di valore mano a mano che invecchiano.
Certo avere una Fiat Uno dell’86 non significa avere un bene rifugio, molto più sicura una Ferrari GTB degli anni ’80!

Beni Rifugio: Diamanti

Il re dei beni rifugio è il diamante.
Sia lavorato che grezzo, anche se altre pietre preziose come rubini e smeraldi sono considerate beni rifugio.
Il loro valore è sempre calcolato sulla base del diamante.

Acquistare un diamante oggi è un investimento non da poco.
Per evitare fregature bisogna cercare le pietre certificate e segnate.
Le più pregiate hanno un microscopico segno al laser su una delle facce più piccole che riporta la certificazione internazionale.

Tra le certificazioni più importanti c’è la Kimberley Process.
Una certificazione internazionale atta a certificare che il diamante non proviene da commerci che hanno come scopo il finanziamento di guerre.
Ci sono poi le società nazionali di certificazione che indicano il peso, la purezza e il valore della gemma all’atto dell’acquisto.

Beni rifugio: Oro

Come dicevamo prima l’oro è il bene rifugio per eccellenza, in gioielli o in lingotti.
E’ acquistabile con una certa facilità e con una discreta sicurezza, a patto di avere anche qui le necessarie certificazioni.
Se andate sui siti di economia e finanza internazionale trovate quasi sicuramente il valore corrente dell’oro nella nazione che preferite.

Beni rifugio: Orologi

Anche qui non parliamo del classico Casio a cristalli liquidi, ma parliamo di orologi di lusso.
Nuovi costano come una berlina di lusso, e che con il tempo aumentano di valore.
Il marchio più famoso è il Rolex, anche se i modelli che possiamo mettere tra i beni rifugio sono quelli più antichi, perché per diventare un bene deve essere raro.

Non c’è solo la Rolex come orologi di lusso, anche altri marchi come Cartier, Hulbot, Patek Philippe e i Richard Millet sono tra i marchi d’orologeria più prestigiosi, forse anche più dei Rolex.
Non a caso parliamo di orologi che superano anche i 70mila euro.

Ti potrebbero interessare anche:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi