Conti Correnti per Pensionati a Costo Zero

su
Gnius
immagine al post Conti Correnti per Pensionati a Costo Zero

I conti correnti pensionati costo zero sono i più cercati, perché con la nuova manovra economica,
le pensioni devono essere per forza pagate su un conto corrente tramite bonifico bancario.
conti correnti pensionati costo zeroDall’approvazione della manovra cosiddetta Salva Italia introdotta dal governo Monti, è fatto obbligo a tutti i pensionati,
che percepiscano una pensione superiore a mille euro, di servirsi di un conto corrente dove ricevere la propria pensione.

Conti correnti pensionati Costo Zero. Una scelta obbligata

La scelta del conto corrente giusto fa risparmiare veramente un sacco di soldi.
Se pensiamo che un conto corrente standard, per un uso normale come la gestione dei conti e i servizi di pagamento,
arriviamo a pagare 300€ all’anno.

Circa un terzo dell’ultima pensione se ne va per gestire proprio il pagamento della pensione,
e sono soldi che vanno alla banca, non per servizi o altro. Non è giusto.
Ecco perché quasi tutte le banche hanno preparato dei conti correnti pensionati costo zero, o con costi minimi.

I conti di base

Per venire incontro alle necessità di chi non poteva accollarsi spese aggiuntive per canone e imposta di bollo che sfiorano i cento euro annui, vennero contestualmente introdotti i conti correnti per pensionati, a costo zero.
Questi conti consentono un’operatività minima.
L’accredito della pensione, l’uso della carta bancomat, l’eventuale domiciliazione per il pagamento delle utenze ed alcuni bonifici l’anno.
Non rientrano fra i servizi previsti, la possibilità di aprire un conto deposito, di usufruire del libretto degli assegni o di carte di credito,
né quelle di ottenere fidi e poter aprire un portafoglio titoli.

Scegliere tra i conti correnti a costo zero

Molte banche, però, in alternativa ai conti di base, offrono normali conti correnti che non prevedono spese per apertura o chiusura conto.
Né per le operazioni, a determinate condizioni; e neppure per l’imposta di bollo, che, in taluni casi, viene pagata dalle banche stesse.
Alcuni istituti esentano completamente dalle spese i pensionati che tengano sul conto una giacenza non inferiore a 1.500 euro,
altri sollevano dai costi di gestione quei utenti disposti a imparare a far da sé le semplici operazioni previste dall’home banking.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi